Al Cinema: Lucca

‘Addio al linguaggio’ in 3D e ‘Il bandito delle 11′. E’ la settimana di Godard a Ezechiele

adieu_langage_locMartedì 10 febbraio 2015 ore 21.30
Cinema Astra Lucca – Prime visioni
Fino all’ultimo Godard
ADIEU AU LANGAGE – ADDIO AL LINGUAGGIO (3D)
di Jean-Luc Godard – Francia 2014 – 70’ con Héloise Godet, Jessica Erickson
L’idea di Godard è semplice: una donna sposata e un uomo single si conoscono. Si amano, discutono, volano i pugni. Un cane si aggira tra città e campagna. Passano le stagioni. L’uomo e la donna s’incontrano di nuovo. Il cane si ritrova tra loro. L’altro è nell’uno, l’uno è nell’altro, e sono in tre. L’ex marito fa esplodere il tutto. Un secondo film inizia, uguale al primo, ma forse no. Dalla razza umana passiamo alla metafora. Finisce in abbai e pianti di bimbo. Difficile sintetizzare l’esperienza visiva dell’ultimo film di Godard in una sinossi classica. Che finisce per essere solo una traccia labile. Godard torna al cinema spiazzando critici e spettatori utilizzando il 3D (prima proiezione in assoluto di Ezechiele con questa tecnologia) in maniera sperimentale, unica e irripetibile per creare un’opera affascinante e straniante. Un’esperienza e una visione da non perdere. Proiezione in 3D. Biglietto di ingresso 7 euro.

bandito11Mercoledì 11 febbraio 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte
Fino all’ultimo Godard
IL BANDITO DELLE 11
di Jean-Luc Godard – Francia, 1965 – 111’ con Jean-Paul Belmondo, Anna Karina
Ferdinand e Marianne si ritrovano dopo cinque anni da che si sono lasciati e durante i quali lei è stata in una banda di criminali. Si isolano dal mondo, si amano, ma comunicare non è facile. L’“amour fou”, la solitudine, l’eccesso. Il punto di arrivo del primo Godard, un percorso che era partito con Fino all’ultimo respiro. La trama poliziesca non è che un pretestuoso supporto in questo film che conclude pirotecnicamente la prima fase dell’itinerario di Godard con un’ultima, dolorante affermazione romantica che è anche una disperata dichiarazione di disorientamento. Film d’emozioni e di sentimenti, poema cinematografico, grido di rivolta, sostenuto dalla straordinaria fotografia di Coutard.
. Qui il programma di tutta la rassegna Fino all’ultimo Godard

Ezechiele

Commenta!

Clicca qui per commentare

Vuoi organizzare una proiezione de "L'allenatore errante"?
contattaci!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Clicca qui per restare aggiornato sul programma del Cineforum