programma settimanale

2-6 FEBBRAIO 2019 – I film della settimana a Lucca e Capannori

Tomasz Kot e Joanna Kulig in Cold War

Sabato 2 febbraio ore 19.45 22.00
Domenica 3 febbraio ore 17.45 20.00 – Lunedì 4 febbario ore 21.00
Cinema Artè Capannori
BENVENUTI A MARWEN
di Robert Zemeckis – USA, 2018 – 116′ con Steve Carell, Eiza González, Diane Kruger
SCENEGGIATURA: Robert Zemeckis – FOTOGRAFIA: C. Kim Miles – MONTAGGIO: Jeremiah O’Driscoll – MUSICHE: Alan Silvestri – PRODUZIONE: DreamWorks, ImageMovers, Universal Pictures – DISTRIBUZIONE: Universal Pictures

La storia vera della lotta di un uomo fisicamente e psicologicamente distrutto da una violentissima aggressione fisica. Grazie all’immaginazione artistica l’uomo costruisce nel suo giardino il modello in scala di un villaggio belga durante la Seconda guerra mondiale e poi, facendo interagire al suo interno bambole di plastica in azioni e pose che poi fotografa, inventa storia di avventura attraverso cui elabora il trauma. E poco alla volta ritrova la voglia di vivere.

Ancora una volta Robert Zemeckis racconta una storia nella quale si cerca la conciliazione e la sintesi – in qualche modo sempre possibile – tra due mondi. La vera storia di Mark Hogancamp diventa così una sorta di versione più oscura, cupa, giocosa e fantastica di Forrest Gump e di tanti altri film del regista, dove realtà e immaginazione (e analogico e digitale) si fondono senza soluzione di continuità, e si influenzano reciprocamente. In qualche modo, ancor più che altrove, un film di Zemeckis sul (suo) cinema. (Federico Gironi – Comingsoon.it)

Martedì 5 febbraio 2019 ore 21.30
Cinema Astra – Prime visioni
COLD WAR
di Pawel Pawlikowski – Polonia/Francia, 2018 – 88′ con Tomasz Kot, Agata Kulesza
Premio per la miglior regia al Festival di Cannes, Miglior Film Europeo 2018, Candidato all’Oscar come miglior film straniero

Appassionata storia d’amore tra un uomo e una donna che si incontrano nella Polonia del dopoguerra ridotta in macerie. Provenendo da ambienti diversi e avendo temperamenti opposti, il loro rapporto è complicato, eppure sono fatalmente destinati ad appartenersi. Negli anni ’50, durante la Guerra Fredda, in Polonia, a Berlino, in Yugoslavia e a Parigi, la coppia si separa più volte per ragioni politiche, per difetti caratteriali o solo per sfortunate coincidenze: una storia d’amore impossibile in un’epoca difficile.

Dopo lo straziante Ida, un altro gioiello per Pawel Pawlikowski, che continua a indagare le ferite di un continente e di un secolo intero raccontando i mille ostacoli vissuti dalla storia d’amore fra i genitori. Si segue tutto d’un fiato, si sospira per l’empatia e si ispira per la meraviglia. Per non parlare delle lacrime. (Mauro Donzelli «Comingsoon.it»)

Mercoledì 6 febbraio 2019 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte
Il grande cinema del Caucaso
LE OMBRE DEGLI AVI DIMENTICATI
di Sergej Paradzanov – Urss (Armenia), 1964 – 97’ con Tatiana Bestayeva, Larisa Kadochnikova
Il giovane Ivan si innamora di Marichka, figlia dell’assassina di suo padre. Marichka, muore tragicamente e Ivan sposa Palagna, ma il suo pensiero è sempre rivolto a Marichka, così Palagna per riconquistare Ivan si rivolge alla stregoneria, subendo l’incantesimo dello stregone. Tratto dal racconto omonimo dello scrittore ucraino Mychajlo Kocjubinskyj, è il primo film che fa conoscere al mondo il talento ineguagliabile di Sergej Paradzanov, artista a tutto tondo nato in Armenia, attivo in Georgia e Ucraina, vittima dell’ottusità sovietica che volle punirne (con il carcere per il suo orientamento sessuale) la visionarietà svincolata da qualsiasi assoggettamento al realismo socialista. Il cinema di Paradzanov è unico al mondo, un’esperienza visiva che non si può descrivere, ma solo sperimentare. Fiaba, leggenda, straniamento, icone, pittura, collage, virtuosismo si mescolano per un’arte pura e indimenticabile.