Al Cinema: Lucca

Riparte le programmazione di Ezechiele: Leviathan in prima visione e L’infernale Quinlan di Welles

LEVIATHANRiprende dopo la pausa estiva la programmazione ordinaria del Cineforum Ezechiele 25,17 al Cinema Astra e all’auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca. Le prime visioni partono con Leviathan, importante e molto atteso film di Zvyagintsev (già regista alcuni anni de Il ritorno, vincitore del Leone d’Oro  a Venezia) mentre la retrospettiva integrale dedicata a Orson Welles inizia con uno dei suoi capolavori, L’infernale Quinlan. Tutti i film della retrospettiva Welles sono presentati in lingua originale con sottotitoli. Vi ricordiamo infine la grande novità di questa nuova stagione: i giovani under 21 (nati dal 1994 in poi) possono sottoscrivere gratuitamente la tessera e inoltre hanno diritto al biglietto ridotto al costo di 3 euro. Un’occasione da non perdere per vedere sempre più film!

Cinema Astra – Prime visioni
LEVIATHAN – Russia, 2014 – 140′ di Andrej Zvjagincev con Aleksej Serebrjakov, Vladimir Vdovičenkov
Premio come migliore sceneggiatura al Festival di Cannes
Nikolai, padre di famiglia e meccanico in un piccolo paese in una baia nel nord della Russia, si trova a fronteggiare il sopruso del sindaco che requisisce le sue proprietà. Un vecchio compagno d’esercito, divenuto affermato avvocato a Mosca, lo affiancherà nella lotta. Zvyagintsev tratteggia un ritratto durissimo e cupo della Russia di Putin trasportando  lo spettatore in una landa desolata, in cui ironia nera e pessimismo costeggiano le vite di un’umanità oppressa, schiava della corruzione. Un film di grande bellezza e sopraffino ingegno, costruito su una sceneggiatura esemplare e regia di grande classe.

quinlanMercoledì 16 settembre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
L’INFERNALE QUINLAN (TOUCH OF EVIL) – Usa, 1958 – 111’ di Orson Welles con Orson Welles, Charlton Heston, Janet Leigh – v.o. con sottotitoli
Welles torna ad Hollywood e quella che doveva essere una produzione minore diventa una pietra miliare della Settima arte. Un noir vorticoso ambientato in una cittadina ai confini tra Messico e Stati Uniti in cui il commissario Quinlan, uomo brutale e disincantato, amministra la giustizia con il piglio di un gangster, nella convinzione che il fine giustifichi i mezzi. Basterebbe l’incipit del film (uno straordinario piano sequenza divenuto un classico per gli studiosi di cinema) per consegnare il film alla storia; il finale è da brividi. Al termine del film Pier Dario Marzi guiderà un approfondimento cinematografico-filosofico su L’infernale Quinlan