Al Cinema: Lucca

Play it again Orson! Ezechiele omaggia Welles nel centenario della nascita e trentennale dalla morte con una retrospettiva completa

quinlanEzechiele riparte dopo l’estate con un programma dedicato al magnifico Orson Welles. La doppia ricorrenza (cento anni dalla nascita e trenta dalla morte) ci dà l’occasione di omaggiarlo con una retrospettiva completa dei suoi film. Straordinario attore, già celebre in teatro e alla radio (sua la finta invasione aliena de La guerra dei mondi che terrorizzò gli Stati Uniti), esordì nella Settima Arte con Quarto Potere e rivoluzionò la narrazione cinematografica. 13 film realizzati e molti più quelli iniziati e non finiti o solo abbozzati. Un genio ingombrante, carismatico, studiato come pochi da critici e cinefili. Ezechiele lo ha amato sin dal concepimento del cineforum: non molti sanno che il nostro nome, di origine tarantiniana, a lungo fu in ballottaggio con il celebre Rosebud, enigmatico nome evocato dal personaggio di Kane in Quarto Potere. Il nostro amore per Welles si consuma in questo lungo ciclo affinché anche voi possiate goderne. Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli e saranno accompagnati da introduzioni, forum, corti o sequenze inedite. Buona visione!

Mercoledì 16 settembre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
L’INFERNALE QUINLAN (TOUCH OF EVIL)– Usa, 1958 – 111’ di Orson Welles con Orson Welles, Charlton Heston, Janet Leigh – v.o. con sottotitoli
Welles torna ad Hollywood e quella che doveva essere una produzione minore diventa una pietra miliare della Settima arte. Un noir vorticoso ambientato in una cittadina ai confini tra Messico e Stati Uniti in cui il commissario Quinlan, uomo brutale e disincantato, amministra la giustizia con il piglio di un gangster, nella convinzione che il fine giustifichi i mezzi. Basterebbe l’incipit del film (uno straordinario piano sequenza divenuto un classico per gli studiosi di cinema) per consegnare il film alla storia; il finale è da brividi. Al termine del film segue un approfondimento filosofico-cinematografico a cura di Pier Dario Marzi

Martedì 22 settembre 2015 ore 21.30
Cinema Astra – Play It Again, Orson
(THE THIRD MAN) IL TERZO UOMO
GB , 1949 – 104′  di Carol Reed con Joseph Cotten, Alida Valli, Orson Welles – v.o. con sottotitoli – Copia digitale restaurata e distribuita a cura della Cineteca di Bologna
Harry Lime, protagonista del film ed interpretato da Welles, è un personaggio che entra di diritto tra i grandi maledetti della storia del cinema. Lo stesso Welles lo definisce un personaggio luciferino che si muove in una Vienna post bellica con l’assenza di scrupoli del cinico avventuriero. La regia è di Carol Reed, ma più indizi lasciano presupporre che Welles abbia messo lo zampino su molti aspetti della produzione. Sceneggiatura originale di Graham Greene.

Mercoledì 30 settembre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
LO STRANIERO (THE STRANGER)- Usa, 1946 – 95’ – di Orson Welles con Orson Welles, Edward G. Robinson – v.o. con sottotitoli
Un criminale di guerra nazista s’infratta, con documenti falsi, in una cittadina del Connecticut dove sposa la figlia di un giudice. Lo scova un detective governativo. È il più convenzionale dei film diretti da Welles, in linea con un personaggio di moda a Hollywood negli anni ’40: l’ospite in casa sospettato di non essere quel che appare. Welles non amava questo film che tuttavia, sorvolando su diverse ingenuità e incongruenze di sceneggiatura, trova vigore nella regia in più di una sequenza, su tutte quella celebre del campanile.

Martedì 6 ottobre 2015
Cinema Astra
Ore 20.00 Play It Again, Orson
LA SIGNORA DI SHANGAI (THE LADY FROM SHANGAI)- Usa, 1947 – 86’ – di Orson Welles con Orson Welles, Rita Hayworth – v.o. con sottotitoli
Siamo nel 1946 e Welles è sposato con Rita Hayworth a cui affida il ruolo di protagonista in questo noir che ben presto diventa un classico del suo genere. Il plot vede la Hayworth interpretare una femme fatale nelle cui spire cade il marinaio O’Hara (lo stesso Welles). Celeberrima la sequenza ambientata nel luna park nella sala con gli specchi deformanti.

Mercoledì 7 ottobre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
RAPPORTO CONFIDENZIALE (MR. ARKADIN)– Fra/Spa, 1955 – 93′- di Orson Welles con Orson Welles, Robert Arden, Akim Tamiroff – v.o. con sottotitoli
Altro personaggio luciferino è Mr. Arkadin, una sorta di redivivo Charles Foster Kane, ma ancora più cinico, che incarica uno sprovveduto giovane americano di scavare nel proprio passato alla ricerca di ombre scure da sollevare. Welles ha ormai l’imponenza del mattatore (anche fisicamente) e la sua presenza scenica è magistrale quanto strabordante. Ispirato come agli esordi, consegna alla storia del cinema un’altra figura leggendaria.

Martedì 13 ottobre 2015 ore 21.30
Cinema Astra – Play It Again, Orson
Ore 20.00 TOO MUCH JOHNSON –  Usa, 1938 – 66’ di Orson Welles con  Joseph Cotten, Virgina Nicholson – v.o. con sottotitoli
E’ il primo film realizzato da Welles, sebbene non completato, e per anni ritenuto perduto in un incendio. Ritrovate casualmente le bobine in un magazzino a Pordenone è stato restaurato e proiettato per la prima volta un paio di anni fa. Amato da Welles, ruota attorno ad un personaggio il vero Johnson, che si trova continuamente perseguitato da altre due persone che assumono la sua identità.

Ore 21.30 QUARTO POTERE (CITIZEN KANE)Usa, 1941 – 119’ di Orson Welles con  Orson Welles, Joseph Cotten, Agnes Moorehead – v.o. con sottotitoli
Il primo film di Welles, che ricevette all’epoca una straordinaria libertà produttiva e creativa (per la prima volta nella storia degli studios hollywoodiani, non è un semplice esordio, non è un capolavoro, è, molto semplicemente, quello che molti critici hanno definito, il film del secolo; non riteniamo di  dover aggiungere altro se non ricordare il titolo originale che Welles impose ai suoi sceneggiatori: Citizen Kane. La proiezione è introdotta da Marco Vanelli che presenterà il numero 180 della rivista ‘Cabiria – Studi di cinema’, da lui diretta, dedicato interamente ad Orson Welles. Sarà possibile acquistare la rivista nel corso della serata.

Mercoledì 14 ottobre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
L’ORGOGLIO DEGLI AMBERSON (THE MAGNIFICENT AMBERSONS)- Usa, 1942 – 88′- di Orson Welles con Orson Joseph Cotten, Doloros Costello – v.o. con sottotitoli
Il secondo film di Welles è in realtà una sorta di nuovo esordio, perchè lo stile che lo caratterizza è assolutamente lontano dai barocchismi del debutto e lo stesso Welles si ritaglia una presenza invisibile come voce narrante dopo il tour de force nelle vesti del miliardario Kane in Quarto Potere. L’orgoglio degli Amberson ha però la potenza di una epopea che, tra piani sequenza magistrali e un uso virtuosistico del montaggio, ci conduce nei drammi di una ricca e aristocratica famiglia americana. Il film è accompagnato da una introduzione a cura di Massimo Tria che ripercorrerà anche il rapporto tra Orson Welles e Charlie Chaplin.

Martedì 20 ottobre 2015
Ore 20.00 Play It Again, Orson
STORIA IMMORTALE (UNE HISTOIRE IMMORTELLE)- Francia, 1968 – 60’ – di Orson Welles con Orson Welles, Jeanne Moreau – v.o. con sottotitoli
Girato nel 1968 e tratto da un racconto di Karen Blixen è il primo film a colori di Welles. L’anziano mercante Clay, innamorato solo dei suoi soldi, si prefigge di dimostrarne l’infinita potenza inscenando una leggenda in cui si narra di un ricco signore che paga un marinaio affinché passi una notte con sua moglie, dandogli un erede. Welles, pur nella breve durata del film, trae una delle sue opere maggiori. Riflette sulla vanità delle azioni umane, sulla presunzione di voler dare sostanza ai sogni e sull’inevitabile destino di fallimento e morte.

Mercoledì 21 ottobre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
IL PROCESSO (LE PROCES) Fra/Ita, 1962 – 120’ di Orson Welles con Anthony Perkins, Orson Welles, Jeanne Moreau, Romy Schneider
Rientrato in Europa, Welles si cimenta nella trasposizione del capolavoro di Kafka. L’incontro con le atmosfere dello scrittore cecoslovacco sembra essere particolarmente stimolante per Welles che utilizza tutta la sua carica visionaria (uso espressivo del bianco e nero ed intensivo del grandangolo) per rendere al meglio il senso di smarrimento e soffocamento che, tipicamente, ricrea la letteratura di Kafka. Il film è preceduto alle 21.15 da una introduzione di Riccardo Dalle Luche e Daniela Toschi sul tema L’architettura dell’angoscia senza forma: The trial, da Kafka a Welles contenuto anche nel libro I registi della mente (Falsopiano editore, 2015) che sarà disponibile in sala.

Mercoledì 28 ottobre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
F FOR FAKE (F COME FALSO)
Usa, 1974 – 104′- di Orson Welles con Orson Welles, Oja Kodar – v.o. con sottotitoli
E’ un documentario questa opera stravagante del Welles crepuscolare (siamo nel 1973) ma non lasciamoci ingannare (nel vero senso della parola) perchè il vecchio Welles gioca con il pubblico, con le sue aspettative e gioca con il linguaggio del cinema, con la maestria e l’abilità di un mago che mescola le carte e bara con noi senza mostrare (in apparenza) il trucco.

Martedì 3 novembre 2015 ore 20.00
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
OTELLO
Usa, 1952– 91’ di Orson Welles con Orson Welles, Micheál MacLiammóir, Suzanne Cloutier – v.o. con sottotitoli
A seguire ore 21.30 – Film in prima visione da definire
Questa è la seconda trasposizione cinematografica wellesiana tratta dalle opere di Shakespeare e probabilmente la migliore. Frutto dell’ennesima odissea produttiva che ha dilatato i tempi di produzione ad oltre tre anni di lavoro, è la prima regia di Welles in Europa; un’opera straordinaria per intensità e qualità registica, premiata giustamente con la Palma d’oro al festival di Cannes del 1952.

Mercoledì 4 novembre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
MACBETH
Usa, 1948 – 107’ di Orson Welles con Orson Welles, Jeannete Nolan – v.o. con sottotitoli
L’opera schakespeariana è l’ultima produzione hollywoodiana di Welles (è il 1947) ed anche una delle sue opere più personali. A suo agio tra i copioni del bardo inglese, già portato sul palcoscenico teatrale a più riprese (si ricorda il successo di un Macbeth diretto dallo stesso regista con soli attori di colore), Welles deve fare di necessità virtù, realizzando un film in pochi giorni di riprese e con un budget ristrettissimo.

Mercoledì 11 novembre 2015 ore 21.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca
Play It Again, Orson
FALSTAFF (CHIMES AT MIDNIGHT)
Spagna, 1965 – 119’ di Orson Welles con Orson Welles, Keith Baxter, Jeanne Moreau, John Gielgud – v.o. con sottotitoli
E’ il 1965, Welles è ormai considerato un maestro in Europa, un ex enfant prodige negli Stati Uniti; l’ennesima trasposizione da Shakespeare conferma questa tendenza. Il film, apparentemente un’opera minore, è accolto a Cannes con l’ovazione riservata ai capolavori. Per una volta Welles si ritaglia su misura la parte di un personaggio buono, che ama la vita e la vive con la (finta) leggerezza di un pagliaccio. Falstaff per alcuni critici più attenti è considerato il suo miglior film.