programma mensile

NOVEMBRE/DICEMBRE 2018: il programma delle proiezioni di Ezechiele a Lucca

Emily Mortimer (La casa dei libri)

Ultimo programma del 2018 dedicato a Ingmar Bergman e al Cinema Ritrovato. Entra nel vivo infatti la collaborazione con la Cineteca di Bologna che prevede che tutto il pacchetto di film restaurati sia programmato da Ezechiele. Ecco quindi due splendidi titoli quali Il settimo sigillo di Bergman e il formidabile L’appartamento di Billy Wilder.
Collegata alla proiezione del capolavoro di Bergman è la retrospettiva Ritratti femminili che dedichiamo al maestro svedese con quattro film che meritano di essere riscoperti.
Completano il programma le prime visioni del martedì all’Astra. Si parte con il folgorante Girl del belga Dhont, premiato a Cannes, per passare poi a due film ‘letterari’ quali La ragazza dei tulipani e La casa dei libri. A seguire L’apparizione del francese Giannoli, indagine tra misticisimo e mystery, per finire con la visionarietà giocosa di Gilliam con il suo L’uomo che uccise Don Chisciotte, finalmente completato dopo 20 anni di tentativi, fallimenti e interruzioni.
Infine due eventi speciali: il film Noi eravamo – in occasione del centenario della fine della grande guerra – e Orlando di Sally Potter, interessante proposta in collaborazione con l’associazione Maschile Plurale di Lucca per interrogarci insieme sull’identità sessuale, maschile e femminile.

Martedì 6 novembre 2018 ore 21.30
Cinema Astra Lucca – Prime visioni
GIRL
di Lukas Dhont – Belgio, 2018 – 105’ con Victor Polster, Arieh Worthalter
Premio Camera d’Or al Festival di Cannes
La quindicenne Lara è determinata a diventare una ballerina professionista. Con il sostegno del padre, si lancia alla ricerca dell’assoluto in una nuova scuola. Le frustrazioni e l’impazienza adolescenziale di Laura si accentuano però quando si rende conto che il suo corpo non si piega così facilmente alla rigida disciplina della danza dal momento che è nata… maschio. «Splendide le scene di danza, nella loro routine ossessiva, in un crescendo di sadico trasporto: ci ritroviamo trascinati nel movimento elegante e furioso (doloroso) di un corpo che sembra voler sbocciare dentro l’altro, ma non riesce mai a uscire davvero, fino all’ultima sequenza quasi allucinatoria» (Fabrizio Tassi, «Cineforum»).

Mercoledì 7 novembre 2018 ore 21.30
Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca
Evento speciale sulla Grande Guerra
NOI ERAVAMO
di Leonardo Tiberi – Italia, 2017 – 90’ con Alessandro Tersigni, Yari Gagliucci
Durante la Grande Guerra, in un ospedale allestito nei pressi di un campo d’aviazione, si incrociano le storie di due ragazzi figli di emigrati, giunti come volontari dall’Argentina: una giovane crocerossina e il pilota Fiorello La Guardia, futuro sindaco di New York. Dopo Fango e gloria Leonardo Tiberi continua il suo interessante esperimento di attualizzazione dei materiali d’archivio dell’Istituto Luce attraverso un paziente lavoro di restauro e di colorizzazione (non quello brutale di certi corti comici dell’epoca del muto, ma quello rispettoso e fortemente evocativo delle bicromie di inizio secolo). In collaborazione con il Comune di Lucca

Martedì 13 novembre 2018 ore 19.30
Cinema Astra Lucca – Il cinema ritrovato
IL SETTIMO SIGILLO
di Ingmar Bergman – Svezia, 1957– 96’ con Max von Sydow, Gunnar Björnstrand
Digitalizzato nel 2018 in 4K da Svenska Filminstitutet a partire dal negativo originale 35mm.
Reduce dalle Crociate, il cavaliere Antonius Block torna in patria trovandovi però solo miseria e sgomento. La peste miete le sue vittime senza pietà, e anche sulla strada di Block, tormentato dalla difficoltà di credere in un Dio che non risponde ai suoi appelli, si para una nera figura: è la Morte in persona, venuta a reclamare la sua anima. La partita a scacchi che giocheranno sarà l’estrema occasione per trovare una risposta ai suoi rovelli interiori, che sono anche quelli dell’autore. Nel centenario dalla nascita di Bergman, torna in sala splendidamente restaurato, un film immortale in cui le inquietudini metafisiche del maestro svedese, calate in un barbarico scenario medievale, prendono forma in un bianco e nero nitido e accecante, colmo di riferimenti e di suggestioni pittoriche.

Martedì 13 novembre 2018 ore 21.30
Cinema Astra Lucca – Prime visioni
LA RAGAZZA DEI TULIPANI
di Justin Chadwick – GB/Usa, 2017 – 105’ con Alicia Vikander, Dane DeHaan, Judi Dench, Christoph Waltz
Nella Amsterdam del XVII secolo il ricco mercante Cornelis Sandvoort sposa la giovane Sophia, cresciuta orfana in un convento. Nella spasmodica attesa di un erede, i due posano di fronte al pittore Jan van Loos per un ritratto che cambierà le loro vite. Quando, infatti, Sophia si innamorerà del pittore, i due escogiteranno un piano per vivere la loro passione clandestina. Tra i motivi di fascino del film c’è la fotografia di Bryld, splendidamente studiata, con la luce e dell’atmosfera tipica dei quadri fiamminghi del XVII secolo, non solo del più famoso e solare Vermeer. Le prove attoriali sono tutte di livello, e la regia di Chadwick porta a scavare nell’animo di chi provava, in tempi ben diversi dai nostri, a valicare ruoli, confini, etichette sociali.

Mercoledì 14 novembre 2018 ore 21.15
Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca
Ingmar Bergman: ritratti femminili
MONICA E IL DESIDERIO
di Ingmar Bergman – Svezia, 1953 – 96’ Harriet Andersson, Lars Ekborg
Monica ha sedici anni e fa la commessa, Harry è di poco più anziano e lavora in un negozio. Si incontrano, si innamorano, lasciano Stoccolma e vanno a vivere su un isolotto: ma l’estate dell’amore è breve…
Malinconico e sensuale, un film che folgorò i cineasti della Nouvelle Vague e che segna la prima vera incursione di Bergman nell’universo femminile, con tutte le sue contraddizioni. Il film sarà preceduto dal cortometraggio di Bergman Il volto di Karin (1984).

Martedì 20 novembre 2018 ore 21.30
Cinema Astra Lucca – Prime visioni
LA CASA DEI LIBRI
di Isabel Coixet – Spagna/GB, 2017 – 113’ con Emily Mortimer, Patricia Clarkson, Bill Nighy
Hardborough, Inghilterra, 1959. La sonnolenta cittadina balneare viene travolta dall’indomita Florence Green che, rimasta vedova, decide di sfidare la fredda apatia locale aprendo la prima libreria del paese e scuotendo i tranquilli abitanti con la migliore letteratura del momento, da Lolita a Fahrenheit 451.
«Coixet adotta una regia pulita e ordinata che ben si sposa con il contegno così egregiamente british degli attori. La macchina da presa scivola languidamente sulle mensole degli scaffali, facendo scorrere un libro dopo l’altro, e riserva lo stesso trattamento ai personaggi. […] Questo film è, a ben vedere, interamente costruito sui libri, e non solo perché si basa su un testo che nasce originariamente come fiction novel, ma perché è letteralmente popolato di libri, visivamente e semanticamente. I libri diventano, come suggerisce la voice-over in incipit, i mattoni e il cemento, le fondamenta su cui edificare la propria esistenza» (Linda Magnoni, «Cineforum»).

Mercoledì 21 novembre 2018 ore 21.15
Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca
Ingmar Bergman: ritratti femminili
ALLE SOGLIE DELLA VITA
di Ingmar Bergman – Svezia, 1958 – 84’ con Eva Dahlbeck, Ingrid Thulin
Tre donne si trovano nella stessa stanza di una clinica ginecologica: la prima a seguito di un aborto, le altre due, una felicemente sposata l’altra ragazza madre, in procinto di partorire. Si instaurano tra le tre donne compagne di camerata dinamiche di solidarietà, soprattutto dopo la morte di uno dei nascituri.
Premio per la migior regia a Cannes e ex aequo alle quattro attrici. Il film sarà preceduto dal cortometraggio di Bergman Daniel (1967).

Martedì 27 novembre 2018 ore 21.15
Cinema Astra Lucca – Prime visioni
L’APPARIZIONE
di Xavier Giannoli – Francia, 2018 – 140’ con Vincent Lindon, Galatéa Bellugi
Jacques è un reporter di guerra, uno di quelli che nella vita si espongono laddove l’umanità soffre. Il suo collega fotografo resta ucciso durante una di queste trasferte. Dal torpore esistenziale in cui lo getta la perdita dell’amico, si risveglia quando gli arriva un incarico dal Vaticano: deve far parte della commissione di indagine intorno a delle presunte apparizioni della Vergine in una cittadina francese. La questione è più complessa del previsto, e si presta a un’indagine che ha risvolti quasi polizieschi. Il tentativo di fare verità fra tante reticenze lo porta ad entrare in contatto anche con il lato misterioso della realtà: un’icona della Vergine di Kazan, fotografata in passato dal suo amico, è ora sul suo cammino. Che lo condurrà per strade impreviste.
Parte come dramma personale, per poi diventare un mistery, ma approda infine a una riflessione assai lucida sui vari volti della chiesa: teatrino, istituzione, carità, sacralità. L’apparizione del titolo, sotto questo aspetto, è solo un pretesto per parlare d’altro.

Mercoledì 28 novembre 2018 ore 21.30
Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca
Maschile Plurale
ORLANDO
di Sally Potter – GB, 1992 – 92’ con Tilda Swinton, Billy Zane
In collaborazione con l’associazione Maschile Plurale di Lucca, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, cogliamo l’occasione per interrogarci insieme sull’identità sessuale, maschile e femminile, grazie a un film visionario e filologico a un tempo, tratto dal geniale romanzo di Virginia Wolf. L’opera più riuscita di una regista che negli anni non ha mantenuto le sorprendenti promesse dell’esordio. Grande prova della protagonista Tilda Swinton

Martedì 4 dicembre 2018 ore 21.30
Cinema Astra Lucca – Il cinema ritrovato
L’APPARTAMENTO
di Billy Wilder – Usa, 1960 – 125’ con Jack Lemmon, Shirley Mc Laine, Fred McMurray
5 Premi Oscar: miglior film, regia, sceneggiatura, scenografia montaggio
Mescolare commedia e dramma è notoriamente difficile, ma L’appartamento lo fa sembrare facile. Come un Martini perfettamente dosato, il film ha quel tanto di emozione che basta a compensare il suo paralizzante caustico cinismo. Il risultato è uno dei film più amati e appaganti di Billy Wilder. Tra satira spietata e fascino esuberante, L’appartamento alterna momenti dolorosi come un pugno allo stomaco e scene esilaranti. Wilder prende la storia pruriginosa di un impiegato che per far carriera presta il suo appartamento ai superiori in vena di scappatelle e la trasforma in una sorprendente e sentita difesa della dignità umana. Jack Lemmon, mai così divertente e così commovente, è un uomo che fa del suo meglio per conformarsi a una cultura volgare, superficiale e spudoratamente sessista. Shirley MacLaine infonde un brio corroborante in colei che è una vittima di tale cultura, una donna che sembra prendere le distanze da se stessa esprimendo commenti taglienti sul proprio pathos.

Mercoledì 5 dicembre 2018 ore 21.30
Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca
Ingmar Bergman: ritratti femminili
L’IMMAGINE ALLO SPECCHIO
di Ingmar Bergman – Svezia, 1976 – 110’ con Liv Ullmann, Erland Josephson
Jenny fa la psichiatra. Aspetta che il marito e i figli si assentino per tornare nella casa dei nonni, in cerca forse di se stessa. Quello che invece trova è un mondo angoscioso, dove i fantasmi dell’esistenza arrivano per tormentarla. Jenny si confida con un collega ma neanche questo sembra darle sollievo. Il titolo originale, Faccia a faccia, completa la citazione paolina iniziata in Come in uno specchio, cioè il superamento dei limiti dell’esperienza umana quando il volto di Dio sarà visio beatifica: «Videmus nunc per speculum in ænigmate, tunc autem facie ad faciem». Forse la più grande interpretazione di Liv Ullmann.

Martedì 11 dicembre 2018 ore 21.15
Cinema Astra Lucca – Prime visioni
L’UOMO CHE UCCISE DON CHISCIOTTE
di Terry Gilliam – GB/Spa/Fra, 2017 – 137’ con Jonathan Pryce, Adam Driver, Sergi Lopez, Stellan Skarsgård
Toby, un giovane regista pubblicitario cinico e disilluso, si ritrova intrappolato dalle folle illusioni di un vecchio calzolaio convinto di essere il leggendario Don Chisciotte. Imbarcatosi in un’avventura sempre più surreale, Toby è costretto a confrontarsi con le tragiche conseguenze di un film che ha realizzato quando era ancora un giovane idealista: quel film da studente, adattato da Cervantes, ha cambiato per sempre i sogni e le speranze di un piccolissimo villaggio spagnolo. Saprà Toby riscattarsi e ritrovare un po’ di umanità? Riuscirà Don Chisciotte a sopravvivere alla propria follia? O sarà l’amore a trionfare su tutto? Un film inseguito da Gilliam tutta una vita, tra fallimenti e frustrazioni: il regista alla fine riesce nell’intento, con un’opera che rispecchia la sua visionarietà giocosa.

Mercoledì 12 dicembre 2018 ore 21.15
Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca
Ingmar Bergman: ritratti femminili
SINFONIA D’AUTUNNO
di Ingmar Bergman – Svezia, 1978 – 90′ con Ingrid Bergman, Liv Ullmann, Erland Josephson
Eva, moglie di un pastore protestante, invita per un soggiorno in casa sua, dove è ospitata anche la sorella Helena immobilizzata da una grave infermità, la madre, affermata pianista. Bastano poche ore perché la situazione si carichi di pesanti frizioni, alimentate da reciproche accuse. Soprattutto Eva è molto dura con la madre, e questa riparte. La figlia spedirà poi una lettera in cui offre pace. La “sonata” del titolo (non certo una sinfonia…) è per due “strumenti”: Eva (Liv Ullman) e la madre (Ingrid Bergman, per la prima volta diretta dal suo omonimo). Intensissimo, molto teso, con due interpreti eccezionali. Il film sarà preceduto dal cortometraggio di Bergman Il ballo delle ingrate (1976).

Ezechiele

Commenta!

Clicca qui per commentare

Vuoi organizzare una proiezione de "L'allenatore errante"?
contattaci!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Clicca qui per restare aggiornato sul programma del Cineforum