Al Cinema: Lucca

I film di Ezechiele del 20 e 21 novembre 2012

Martedì 20 novembre 2012 ore 21.30
Prime visioni
UN SAPORE DI RUGGINE E OSSA (De rouille et d’os)
di Jacques Audiard – Francia 2012 – 120’
con Marion Cotillard, Matthias Schoenaerts
Festival di Cannes 2012 – Concorso
Ali, un passato nella boxe e un figlio da mantenere, conosce Stephanie, la bellissima addestratrice di orche del parco acquatico di Antibes. Mondi distanti i loro fino a quando una tragedia sconvolge la vita di Stephanie facendo sì che tra i due si sviluppi un rapporto intenso e carnale. Audiard usa le sembianze fisiche della violenza e dell’amore per raccontare che in un mondo senza futuro, senza economia, senza protezione, l’unica certezza è la capacità di usare il proprio corpo e i propri sentimenti senza guardare in faccia nessuno. Un sapore di ruggine e ossa ha il coraggio di persuadere di ciò che nessuno osa neanche più sospettare: chiunque ha il diritto di cambiare il proprio destino. Inquadrature e montaggio che non defibrillano un occhio prensile e reattivo (chi è capace di filmare un’orca che strappa gli arti di un individuo in modo così minaccioso ed ellittico?), un cinema che lavora a mani nude sulla sensualità e il dolore, senza preavviso, perché questa, forse, è l’unica vera forma della vita, l’unica misteriosa chance della bellezza. Versione in lingua originale con sottotitoli

Mercoledì 21 novembre 2012 ore 21.30
Prime visioni
UN GIORNO SPECIALE
di Francesca Comencini – Italia 2012 – 89’
con Filippo Scicchitano, Giulia Valentini
Mostra del Cinema di Venezia 2012 – Concorso
Gina sta per incontrare un uomo politico che dovrebbe aiutarla a entrare nel mondo dello spettacolo. Marco è al suo primo giorno di lavoro come autista, ed è lui che la accompagnerà. A causa dei continui rinvii dell’appuntamento, Gina e Marco – tanto diversi ma con una gran voglia di farcela a tutti i costi – si troveranno a trascorrere insieme un ‘giorno speciale’…
Non è vistoso e neanche riconosciuto come meriterebbe ma il tocco di Francesca Comencini c’è ed è un po’ speciale. L’attitudine della documentarista, anche quando si cimenta con le storie, si esprime in uno sguardo minuziosamente attento alle umanità raccontate e attento a ottenere un risultato – la semplicità – che a dispetto di quanto si può credere è difficile da ottenere. Come nei suo film precedenti è anche in Un giorno speciale (dal romano Il cielo con un dito di Claudio Bigagli). Le imperfezioni non mancano anche se Francesca Comencini è cineasta né approssimativa né insensibile alla cura del linguaggio, ed è la compassione il tratto distintivo del suo scegliere e plasmare storie e personaggi. La regista, sostenuta da un produttore che crede in lei ha fatto la cosa giusta. (Paolo D’Agostini, La Repubblica)

Vuoi organizzare una proiezione de "L'allenatore errante"?
contattaci!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Clicca qui per restare aggiornato sul programma del Cineforum