Al Cinema: Lucca

Ezechiele riparte con Kubrick e La scelta di Barbara

fullmetaljacketMartedì 7 maggio 2013  
Evento speciale Stanley Kubrick
Ore 20.00 L’ARCHIVIO SEGRETO DI STANLEY KUBRICK
di  Jon Ronson, GB 2008 – 47’
ore 21.00 Presentazione del libro STANLEY KUBRICK & ME
Con la presenza degli autori Emilio D’Alessandro e Filippo Ulivieri
A seguire la proiezione di
FULL METAL JACKET (v.o. con sottotitoli italiani)
di Stanley Kubrick – Usa 1987 – 116’ con Jack Matthew Modine, Ronald Lee Ermey
Recuperiamo la serata dedicata a Stanley Kubrick, saltata lo scorso mese di febbraio.
La storia di Emilio D’Alessandro è un’occasione unica per conoscere da vicino tanto Kubrick, l’artista che si dedica ai suoi film con premura quasi paterna, quanto Stanley, l’uomo che dirige la vita domestica come fosse un set cinematografico. La biografia racconta trent’anni di esperienze, aneddoti, segreti dai set, storie di famiglia, confidenze e affetti.
La ricchezza e l’originalità della testimonianza di Emilio sono in grado di restituire per la prima volta il mondo quotidiano del regista, smontare gli stereotipi legati alla sua immagine pubblica e tracciarne un ritratto più veritiero e complesso.
Da Stanley Kubrick e me emerge così un profilo del regista di grande umanità e del tutto inedito. La serata rappresenta una occasione unica per approfondirne la conoscenza, grazie a chi con lui ha lavorato. A seguire la proiezione di Full Metal Jacket, uno dei capolavori di Kubrick che vi presentiamo in lingua originale con sottotitoli, sul cui set D’Alessandro ha lavorato, e che analizzeremo anche assieme a Filippo Ulivieri.
In apertura di serata vedremo alle 20.00 il documentario L’archivio segreto di Stanley Kubrick di Jon Ronson.

La-scelta-di-Barbara locandinaMercoledì 8 maggio 2013 ore 21.30
Prime visioni
LA SCELTA DI BARBARA
di  Christian Petzold –  Germania 2012 – 105’ con Nina Hoss, Ronald Zehrfeld
Germania Est, estate 1978. Barbara è un medico che viene trasferito per ragioni disciplinari in un piccolo ospedale situato in una località remota. Il suo amante, che aveva conosciuto a Berlino Est in una notte di primavera, sta cercando di farla scappare. A lei non interessa nulla della sua vita, dei suoi pazienti, del suo lavoro… è come se niente avesse significato. Quando incontra Andre, anche lui un medico trasferito per ragioni disciplinari, Barbara perde il controllo di tutto. “La scelta di Barbara è un film scritto e diretto con grande astuzia ed equilibrio, un’opera asciutta e piena di suspense che si fa man mano più claustrofobica nelle atmosfere e nel linguaggio, soffocante dal punto di vista della protagonista (una grandiosa Nina Hoss), una donna perennemente sorvegliata dalla polizia che le sta costantemente alle calcagna. Una storia di alienazione e autocontrollo che ti rimane dentro, che parte in sordina ma che col passare dei minuti svela ogni retroscena e chiarisce ogni dubbio sulla vera natura dei personaggi, e mano mano che scorre verso il finale si fa sempre più incalzante arrivando ad imprigionare lo spettatore in una morsa da cui è difficile divincolarsi” (Luciana Morelli, Movieplayer.it)