Al Cinema: Lucca

La bottega dei suicidi di Leconte e Otello di Zeffirelli sono i film di Ezechiele del 16 e 17 aprile

labottegadeisuicidiMartedì 16 aprile 2013 ore 21.30
Cinema Italia – Prime visioni
LA BOTTEGA DEI SUICIDI
di Patrice Leconte – Fra 2012 – 79’
In una città in cui la vita è diventata talmente triste che la gente non ha più voglia di vivere c’è un inatteso raggio di speranza: La Bottega dei Suicidi gestita da Mishima e Lucréce con i loro figli. Le persone disperate, infatti, sono benvenute nel negozio e l’attività va a gonfie vele. Alla nascita di Alan, però, la disgrazia cade sulla famiglia, lui sorride e, peggio ancora, è felice di essere vivo! “Dopo tante inutili polemiche, tutti possono per fortuna recuperare il cartoon anti-natalizio La bottega dei suicidi firmato dal regista noto per ben altre performance «dal vivo» Patrice Leconte. Sormontato idealmente dall’epigrafe « Se la tua vita è un fallimento, fai della morte un successo», il film è una deliziosa incursione europea nei territori paradossali che finora solo Tim Burton sembrava in grado di percorrere. L’humour nero profuso a piene mani nella tragicomica odissea della famiglia Tuvache, che gestisce una bottega di servizi per gli aspiranti suicidi, si presta, infatti, a una serie di sensazioni che hanno il potere di promuovere un buonumore intelligente e spiazzante al giusto grado” (Valerio Caprara).

otello-movie-poster-1986-1020193428Mercoledì 17 aprile 2013  ore 21.30
Cinema Italia – Lucca in Musica 2013 – W Verdi
OTELLO
di Franco Zeffirelli – Ita, 1986 – 120′ con Placido Domingo, Katia Ricciarelli
Il generale Otello torna vittorioso alla sua città adottiva,Venezia, dopo aver sbaragliato i nemici in mare aperto. Ma non tutti sono pronti a dargli un benvenuto da eroe. Malgrado la bella moglie Desdemona lo colmi di affetto e di attenzioni, Iago, un geloso luogotenente, trama la sua rovina. E quando Iago fa leva sulla gelosia di Otello, semina disaccordo nella coppia con conseguenze catastrofiche. Versione cinematografica dell’opera di Giuseppe Verdi, basata sul tragico capolavoro senza tempo di Shakespeare. Il cinema di Zeffirelli, barocco e incline ad esaltare il melodramma, ben si sposa con l’opera lirica. La regia, il montaggio, le scenografie amplificano la potenza delle musiche di Verdi rendendo uno spettacolo memorabile. Ingresso gratuito riservato ai soci in collaborazione con l’Associazione Musicale Lucchese