Al Cinema: Lucca

IL FIGLIO di Luc e Jean Pierre Dardenne

Martedì 22 novembre 2011
I focus di Ezechiele
Il cinema dei Dardenne

Ore 21.30
IL FIGLIO
di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne
Belgio 2002 – 103’
con Olivier Gourmet, Morgan Marinne

In un istituto per il recupero dei ragazzini usciti dal riformatorio, l’educatore Olivier accoglie con inquietudine il sedicenne Francis, assegnato alla falegnameria. L’uomo lo spia, stringe con lui un rapporto di vicinanza, poi ne parla all’ex moglie e tutto diventa drammaticamente chiaro…

La grandezza del film sta nel non ostentare mai le intenzioni di Olivier, nel (ri)costruire le conseguenze di una tragedia e le aspettative di una vendetta, fra silenzi e sofferenza implosa. Con una regia che interpreta ma allo stesso tempo rimane pudica (macchina da presa a mano, ma meno radicale che in Rosetta),  i Dardenne mettono in scena un racconto morale in cui si confrontano argomenti di spessore assoluto. Il Male, la redenzione, la colpa, l’impossibilità di elaborare un lutto e persino una sorta di trascendenza schraderiana (e quindi bressoniana), nonostante lo sguardo sulla storia di Olivier e Francis, nel suo rigore, sia laica. Ma torniamo al “padre”: l’eccezionalità della pellicola risiede nel suo punto di partenza, che per stessa ammissione dei Dardenne non è un soggetto narrativamente compiuto e neppure un personaggio. È l’attore stesso che lo interpreta, Olivier Gourmet (che i fratelli-registi belgi avevano già utilizzato sia in La promesse che in Rosetta): “La sua mole, la sua nuca, il suo volto, i suoi occhi persi dietro gli occhiali”. Il cinema si riappropria così dei corpi, e attraverso un procedimento di sottrazione scava nei comportamenti fino a denudare l’anima.

Tags

Ezechiele

Commenta!

Clicca qui per commentare