Al Cinema: Capannori Primavera d'essai - Una festa del cinema

3-4 MAGGIO: due incontri chiudono la rassegna Primavera d’essai alla Fondazione BML. PORNOGRAFIA E SGUARDO FEMMINILE e presentazione del libro MIRAGGIO DI UN FILM

Giovedì 3 maggio 2018 ore 16.30
Auditorium Fondazione Banca del Monte
Incontri sul cinema
PORNOGRAFIA E SGUARDO FEMMINILE
In occasione del ventennale di Ezechiele e del Centro Donna di Lucca, organizziamo in collaborazione un primo momento di studio e riflessione su un argomento scomodo: il ruolo, la sensibilità, la produzione e la fruizione al femminile della pornografia. A parlarcene sarà Giorgia Serughetti, ricercatrice all’Università di Milano-Bicocca, che scrive di donne, migrazioni, asilo. È autrice di Uomini che pagano le donne (Ediesse), Chiedo asilo (Università Bocconi ed.), Libere tutte (Minimum Fax). Inoltre Marco Vanelli cercherà di fare chiarezza semantica e semiologica su concetti quali erotismo, pornografia, oscenità nel cinema.

 

 

Venerdì 4 maggio 2018 ore 21.00
Auditorium Fondazione Banca del Monte
Incontri sul cinema
Presentazione del libro di Maria Carla Cassarini
MIRAGGIO DI UN FILM: CARTEGGIO DE CASTRO-ROSSELLINI-ZAVATTINI
A seguire proiezione del film
INDIA: MATRI BHUMI
di Roberto Rossellini – Italia, 1959 -87’
Dall’idea di girare un film tratto da Geopolítica da Fome (1952 – tradotto in Italia nel 1954 col titolo Geografia della fame), uno dei libri più conosciuti del sociologo brasiliano Josué De Castro, nasce un progetto di portata internazionale che vede come protagonisti i massimi esponenti del neorealismo italiano Zavattini, Rossellini e Sergio Amidei insieme all’autore del saggio in questione, Deputato al Parlamento in Brasile, Fondatore e Presidente dell’Associazione Mondiale di Lotta contro la Fame, nonché ex Presidente del Consiglio della FAO. Ma come può un’impresa umanitaria, nata dal desiderio di sensibilizzare la popolazione mondiale sulla grave situazione di carenza alimentare in cui versa ancora gran parte dell’umanità, costituire anche un’occasione di rinnovamento culturale e di nuove prospettive cinematografiche? È quanto cercherà di approfondire questo “quasi-romanzo epistolare”, che si sofferma inoltre a scandagliare i rapporti tra i suoi protagonisti e le varie case di produzione, compresa la Arco-Film del livornese Alfredo Bini, per giungere non solo a definire i motivi che hanno costretto ad abbandonare un’opera tanto ambiziosa, bensì a rintracciare quanto oggi ne rimane (anche in ambito filmografico), riportando corrispondenze, interviste, testimonianze e altri documenti inediti provenienti dall’Archivio “Cesare Zavattini” di Reggio Emilia e dall’Archivio di Adriano Aprà (tra i maggiori esperti di Rossellini). Ingresso riservato ai soci e con abbonamento mensile/annuale alla proiezioni presso l’Auditorium FBML. Ingresso gratuito per i possessori dell’abbonamento della rassegna Primavera d’essai

Tags